Torna indietro

Campionato Mediterraneo di

Tiro Ex-Ordinanza e Sportivo

Anno 2014 (V edizione)

Trofeo Full Metal Jacket

GARA CAT. A+B+C (Open) - 27 LUGLIO 2014 - Enna Shooters Club - Agira, EN

Armi Magazine; The Circle's Restaurant & Bar Malta; Armeria Full Metal Jacket; Armeria Mangione; Euroarms Italia; Dueddi s.r.l.; R.A. Sport

 

Categoria A Ex-Ordinanza mire metalliche – Tiro al Tabellone - mt 300 (punteggio massimo 100 +10)

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Miglior risultato Punti Campionato
1 Iacono Rosario Ispica ArmiSports2 Mosin Nagant 91/30 82,0 25,0
2 Ognibene Salvatore Palermo Black Lion M14 Norinco 78,0 20,0
3 Profeta Pietro Salvatore Palermo Black Lion Mosin Nagant 91/30 76,2 15,0
4 Canzonieri Giovanni Pedalino SniperClub Mosin Nagant M39 56,0 10,0
5 Inserra Stefano Ispica SniperClub Mauser M24/47 Yugoslavo 7,0 5,0
6 Genovese Andrea Ispica SniperClub Mauser 24/47 0,0 2,5

 

Categoria A Ex-Ordinanza mire metalliche – Sharp Shooter - Prove di rosata a mt 300

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Miglior risultato Punti Campionato
1 Iacono Rosario Ispica ArmiSports2 Mosin Nagant 91/30 228,00 30,0
2 Pierino Gaetano Catania Etna Shooting Club Schmidt Rubin K31 280,00 25,0
3 Ognibene Salvatore Palermo Black Lion M14 Norinco 493,00 20,0
4 Genovese Andrea Ispica SniperClub Mauser 24/47 n.c. 15,0
5 Profeta Pietro Salvatore Palermo Black Lion Mosin Nagant 91/30 n.c. 10,0
6 Inserra Stefano Ispica SniperClub Mauser M24/47 Yugoslavo n.c. 5,0
7 Canzonieri Giovanni Pedalino SniperClub Mosin Nagant M39 n.c. 2,5

Categoria A Ex-Ordinanza mire metalliche – Prove di Solidarietà a mt 300

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Tirate / colpite Punti Campionato
1 Iacono Rosario Ispica ArmiSports2 Mosin Nagant 91/30 2 / 2 6
2 Canzonieri Giovanni Pedalino SniperClub Mosin Nagant M39 2 / 0 0
3 Profeta Pietro Salvatore Palermo Mosin Nagant 91/30 Black Lion 1 / 0 0
4 Ognibene Salvatore Palermo M14 Norinco Black Lion 1 / 0 0

Categoria A Ex-Ordinanza mire metalliche – Bonus (*)

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Bonus distanza
1 Canzonieri Giovanni Pedalino SniperClub Mosin Nagant M39 3
2 Genovese Andrea Ispica SniperClub Mauser 24/47 3
3 Iacono Rosario Ispica ArmiSports2 Mosin Nagant 91/30 3
4 Inserra Stefano Ispica SniperClub Mauser M24/47 Yugoslavo 3
5 Ognibene Salvatore Palermo Black Lion M14 Norinco 5
6 Pierino Gaetano Catania Etna Shooting Club Schmidt Rubin K31 2
7 Profeta Pietro Salvatore Palermo Black Lion Mosin Nagant 91/30 5

 

TOTALE PUNTI CONQUISTATI IN CAT. A

N. Ord Cognome e Nome Città Poligono Tabellone Rosata IOM Bonus km Totale
1 Iacono Rosario Ispica ArmiSports2 25,0 30,0 6 3 64,0
2 Ognibene Salvatore Palermo Black Lion 20,0 20,0 - 5 45,0
3 Profeta Pietro Salvatore Palermo Black Lion 15,0 10,0 - 5 30,0
4 Pierino Gaetano Catania Etna Shooting Club - 25,0 - 2 27,0
5 Genovese Andrea Ispica SniperClub 2,5 15,0 - 3 20,5
6 Canzonieri Giovanni Pedalino SniperClub 10,0 2,5 - 3 15,5
7 Inserra Stefano Ispica SniperClub 5,0 5,0 - 3 13,0

 

 

Categoria B Ex-Ordinanza sniper – Tiro al Tabellone - mt 300 (punteggio massimo 100 +10)

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Miglior risultato Punti Campionato
1 Iacono Rosario Ispica ArmiSport2 Mosin Nagant 91/30 sniper 94,1 5,0
2 Dibennardo Santo Pedalino SniperClub Mosin Nagant 91/30 sniper 89,1 2,5

 

Categoria B Ex-Ordinanza sniper – Sharp Shooter - Prove di rosata a mt 300

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Miglior risultato Punti Campionato
1 Iacono Rosario Ispica ArmiSport2 Mosin Nagant 91/30 sniper 141,00 5,0
2 Dibennardo Santo Pedalino SniperClub Mosin Nagant 91/30 sniper 164,00 2,5

 

Categoria B Ex-Ordinanza sniper – Prove di Solidarietà a mt 300

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Tirate / colpite Punti Campionato
1 Iacono Rosario Ispica ArmiSport2 Mosin Nagant 91/30 sniper 3 / 1 5
2 Dibennardo Santo Pedalino SniperClub Mosin Nagant 91/30 sniper 1 / 1 5

 

Categoria B Ex-Ordinanza sniper – Bonus (*)

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Bonus distanza
1 Iacono Rosario Ispica ArmiSport2 Mosin Nagant 91/30 sniper 3
2 Dibennardo Santo Pedalino SniperClub Mosin Nagant 91/30 sniper 3

 

TOTALE PUNTI CONQUISTATI IN CAT. B

N. Ord Cognome e Nome Città Poligono Tabellone Rosata IOM Bonus km Totale
1 Iacono Rosario Ispica ArmiSport2 5,0 5,0 5 3 18,0
2 Dibennardo Santo Pedalino SniperClub 2,5 2,5 5 3 13,0

 

 

Categoria C Sport Custom  – Sharp Shooter - Prove di rosata a mt 300

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Miglior risultato Punti Campionato
1 Dibennardo Santo Pedalino SniperClub Sabatti Black Eagle 48,80 50,0
2 Brancato Gaetano Ravanusa SniperClub BCM SLR 222 57,40 40,0
3 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio Remington 40XB Tactical 58,10 30,0
4 Iacono Rosario Ispica ArmiSport2 Tikka T3 Sporter 67,50 24,0
5 Barresi Antonino Castelvetrano Black Lion Remington SPS Tactical 223 89,00 20,0
6 Messineo Giovanni Palermo Black Lion Sako TRG22 98,50 16,0
7 Canzonieri Giovanni Comiso SniperClub Sabatti Rover 700 222 102,50 12,0
8 Selbemann Durso Stefano Fonte Nuova San Demetrio Sabatti Tactical S 308 108,70 8,0
9 Vadalà Alfio Taormina Etna Shooting Club Remington 700 cal.308 143,20 4,0
10 De Maria Ranieri S.Giovanni LP San Demetrio Sabatti Tactical S 308 190,50 2,0
11 Giglio Filippo Castelvetrano Black Lion Sako TRG22 NC -
12 Pierino Gaetano Catania Etna Shooting Club Winchester 70 cal. 270win NC -

 

Categoria C Sport Custom  – Sharp Shooter - Prove di rosata a mt 600

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Miglior risultato Punti Campionato
1 Brancato Gaetano Ravanusa SniperClub BCM Barrel Block 6,5x47 87,40 62,5
2 Giglio Filippo Castelvetrano Black Lion Sako TRG22 195,00 50,0
3 Iacono Rosario Ispica ArmiSport2 Tikka T3 Sporter 244,00 37,5
4 Dibennardo Santo Pedalino SniperClub Sabatti Black Eagle 297,00 30,0
5 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio Remington 40XB Tactical 313,00 25,0
6 De Maria Ranieri S.Giovanni LP San Demetrio Sabatti Tactical S 308 315,00 20,0
7 Selbemann Durso Stefano Fonte Nuova San Demetrio Sabatti Tactical S 308 318,00 15,0
8 Messineo Giovanni Palermo Black Lion Sako TRG22 328,00 10,0
9 Vadalà Alfio Taormina Etna Shooting Club Remington 700 cal.308 376,00 5,0
10 Pierino Gaetano Catania Etna Shooting Club Winchester 70 cal. 270win NC 2,5

 

Categoria C Sport Custom  – Prove di solidarietà - mt 300/600

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Tirate / colpite Punti Campionato
1 De Maria Ranieri S.Giovanni LP San Demetrio Sabatti Tactical S 308 2 / 1 5
2 Iacono Rosario Ispica ArmiSport2 Tikka T3 Sporter 2 / 1 5
3 Messineo Giovanni Palermo Black Lion Sako TRG22 2 / 1 5
4 Selbemann Durso Stefano Fonte Nuova San Demetrio Sabatti Tactical S 308 2 / 1 5
5 Brancato Gaetano Ravanusa SniperClub BCM Barrel Block 2 / 0 0
6 Dibennardo Santo Pedalino SniperClub Sabatti Black Eagle 2 / 0 0
7 Giglio Filippo Castelvetrano Black Lion Sako TRG22 2 / 0 0
8 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio Remington 40XB Tactical 2 / 0 0
9 Canzonieri Giovanni Comiso SniperClub Sabatti Rover 700 222 1 / 0 0

 

Categoria C Sport Custom  – Bonus (*)

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Bonus distanza
1 Brancato Gaetano Ravanusa SniperClub BCM SLR 222 3
2 Giglio Filippo Castelvetrano Black Lion Sako TRG22 5
3 Iacono Rosario Ispica ArmiSport2 Tikka T3 Sporter 3
4 Dibennardo Santo Pedalino SniperClub Sabatti Black Eagle 3
5 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio Remington 40XB Tactical 3
6 De Maria Ranieri S.Giovanni LP San Demetrio Sabatti Tactical S 308 3
7 Selbemann Durso Stefano Fonte Nuova San Demetrio Sabatti Tactical S 308 3
8 Messineo Giovanni Palermo Black Lion Sako TRG22 5
9 Vadalà Alfio Taormina Etna Shooting Club Remington 700 cal.308 2
10 Pierino Gaetano Catania Etna Shooting Club Winchester 70 cal. 270win 2
11 Barresi Antonino Castelvetrano Black Lion Remington SPS Tactical 223 5
12 Canzonieri Giovanni Comiso SniperClub Sabatti Rover 700 222 3

 

TOTALE PUNTI CONQUISTATI CAT. C

N. Ord Cognome e Nome Città Poligono Tabellone Rosata IOM Bonus km Totale
1 Brancato Gaetano Ravanusa SniperClub 40,0 62,5 - 3 105,5
2 Dibennardo Santo Pedalino SniperClub 50,0 30,0 - 3 83,0
3 Iacono Rosario Ispica ArmiSport2 24,0 37,5 5 3 69,5
4 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio 30,0 25,0 - 3 58,0
5 Giglio Filippo Castelvetrano Black Lion - 50,0 - 5 55,0
6 Messineo Giovanni Palermo Black Lion 16,0 10,0 5 5 36,0
7 Selbemann Durso Stefano Fonte Nuova San Demetrio 8,0 15,0 5 3 31,0
8 De Maria Ranieri S.Giovanni LP San Demetrio 2,0 20,0 5 3 30,0
9 Barresi Antonino Castelvetrano Black Lion 20,0 - - 5 25,0
10 Canzonieri Giovanni Comiso SniperClub 12,0 - - 3 15,0
11 Vadalà Alfio Taormina Etna Shooting Club 4,0 5,0 - 2 11,0
12 Pierino Gaetano Catania Etna Shooting Club - 2,5 - 2 4,5

(*) Distanze stradali dalle città capoluogo di provincia al poligono di Agira (fonte maps.google.com)

Da Agira Distanza Bonus
Ragusa km 135 3
Trapani km 269 5
Catania km 66 2
Malta Km 316 5
Siracusa Km 116 3

 

Commento alla gara

Il campo di tiro in cui si è effettuata la gara federale del 27 luglio è situato nel cuore della Sicilia in un'area circondata da colli con una densità abitativa molto bassa. L'area è a servizio di un agriturismo che, come è giusto che sia un'oasi nel deserto, garantisce ospitalità di buona qualità. La struttura, di recente realizzazione è tutt'ora in corso di sistemazione a cura di appassionati del tiro di lunga esperienza che hanno voluto dare al tiro long range una naturale collocazione. Chiunque era andato a visitarla ne era tornato contento e quindi la curiosità era molta. Il campo poi è molto versatile con distanze di tiro per ogni esigenza: 50, 100, 300, 600 e 1000 metri....
Ranieri de Maria, vicepresidente della FSTS da sempre sostenitore del tiro a lunga distanza, non ha perso l'occasione per individuare in tale luogo la sede per ospitare una gara federale di Campionato Mediterraneo e proponendo al Direttivo lo svolgimento di una gara long range. Valutati e risolti i naturali problemi regolamentari e di logistica, la Federazione ha quindi demandato al Delegato Maltese della FSTS Herbert Sammut il compito di andare a "testare" la struttura e riportare un  feedback intorno al quale costruire la gara. Così è stato: la relazione di Herbert ha rappresentato la base per la progettazione dell'evento e, contestualmente,  l'esperienza maturata è servita ai tiratori per acquisire elementi utili al fine di preparare armi, munizioni e ottiche capaci di affrontare la "lunga distanza".
La gara è stata articolata sulla distanza dei 300 metri per le categorie A (ex-ordinanza mire metalliche) e B (ex-ordinanza sniper), categorie nelle quali si sono disputate sia la gara al tabellone che quella di rosata, mentre la Categoria C Open (armi moderne senza alcuna limitazione) è stata organizzata in prove di rosata a 300 ed a 600 metri.
Le settimane che avevano preceduto la gara erano state utili ai principali tiratori del Campionato che, software balistici, anemometri e applicazioni per smartphone alla mano, si sono preparati alla gara con lunghe sessioni di allenamento e molte discussioni nel gruppo Facebook della FSTS al punto che pure chi non era mai stato sul posto ha potuto fare tesoro delle esperienze altrui, iniziando a capire che, tutto sommato, la prova sarebbe stata meno difficile di quanto inizialmente prospettato.
Così il giorno della gara, domenica, tutti avevano cognizione dei punti di mira, delle regolazioni da applicare alle armi. Una grande incognita regnava sovrana: il vento. Sarebbe stato questo l'elemento chiave della gara, specie per gli eroici protagonisti dell'ex-ordinanza con mire metalliche che hanno affrontato la distanza dei 300 metri con le problematiche derivanti dal vento, dalla temperatura molto calda dell'aria, dalla poca esperienza sulla distanza e  senza avere la possibilità di intervenire con regolazioni e aggiustamenti propri delle armi dotate di ottiche, quindi obbligati a "compensare" traiettorie deviate mirando ogni volta su punti simmetricamente opposti all'ipotizzato probabile errore.
Detto questo, entriamo nel merito della gara. I turni di tiro erano per tutti stati calibrati in modo che tutti avessero almeno una possibilità di eseguire una prova per specialità nelle prime fasce orarie della giornata (le più fresche e presumibilmente meno ventose), e tutti avrebbero poi dovuto proseguire la gara con una seconda prova da disputare nelle peggiori condizioni d'orario: direi che, tranne sporadici casi, l'assetto della gara è andato proprio come previsto, cioè i punteggi migliori sono stati quelli iniziali. Con qualche sorpresa.
Il mio racconto da qui in poi prosegue descrivendo situazioni che abbiamo a posteriori documentato in quanto nessun atleta e commissario di gara ha avuto la possibilità di vedere i bersagli sparati (se non durante le fasi di tiro attraverso i cannocchiali) e quindi, tranne nelle prove della categoria Sport a 300 metri, ove i fori lasciati dai proiettili dul bersaglio erano visibili, tutti hanno ultimato la prova.... senza sapere come fosse andata.  Solo durante la pausa del pranzo, dopo che i bersagli sono stati valutati, i partecipanti hanno potuto visionarli e scegliere se tornare a sparare o meno nel residuo margine di tempo lasciato per eventuali re-iscrizioni.
L'inizio, come detto, è stato scoppiettante. Si parte con la rosata a 300 metri della categoria CSalvo Petta realizza una rosata di 5,81 cm ma Gaetano Brancato fa un po' meglio stringendo a 5,74 cm la distanza tra i fori estremi della sua rosata. A seguire Rosario Iacono realizza la misure di 6,745 cm mentre Antonino Barresi rimane nel MOA con 8,9 cm. Gli altri sono oltre i 10 cm, un po' lontani dalla zona podio.  Nella quarta linea, postazione 6, poco prima delle ore 11,00 si siede Santo Dibennardo che con il suo Sabatti Black Eagle modificato realizza la rosata di 4,88 cm e mette definitivamente in tasca la vittoria facendo scivolare al secondo posto Brancato e via via scivolare di una posizione tutti gli altri.
Inutile dire che nessuno nella seconda prova riesce a migliorarsi, con la sola eccezione di Giovanni Messineo che, dopo una prima prova in cui non riesce a mettere tutti i 5 colpi a bersaglio, nella seconda realizza 9,85 cm e guadagna la sesta posizione finale.

Per capire la difficoltà della gara con il sollevarsi del vento basti dire che nella fase della Rosata 1 solo 3 atleti su 12 non riescono a mettere tutte le 5 ogive a bersaglio. Nella fase della Rosata 2 saranno 6 su 12 a non riuscirci.
La prova di rosata a 600 metri verrà svelata solo alla sua conclusione. Qui solo due atleti scendono sotto i 20 cm di misura: Filippo Giglio (19,5 cm) e Gaetano Brancato che, addirittura abbatte il muro dei 10 cm fermando il calibro a 8,74 cm. La sua seconda rosata, seppur molto aperta, sarà di 19,4 cm, dunque ancora  - seppur di pochissimo, migliore di quella di tutti gli altri atleti. Chi aveva sperato di trovare nella lunga distanza un punto debole... ha dovuto arrendersi all'evidenza :-)
Rosario Iacono riesce a prendersi un meritato terzo posto con 22,4 cm mentre gli altri (in ordine di classifica, Dibennardo, Petta De Maria, Selbemann Durso, ecc.) realizzano rosate dell'ordine di circa 30 centimetri. I risultati conclamati nella vigilia (rosare dagli 8 ai 10 cm) sono oggi un lontanissimo sogno che si realizza per uno soltanto.
Riguardo alle categorie Ex-Ordinanza c'è da dire che mancando Fifì Carbone, Ettore Arrigo e altri "sniper" la gara di categoria B viene disputata solamente due atleti (Rosario Iacono e Santo Dibennardo) con Iacono che batte Dibennardo sia nella gara a tabellone sia nella prova di rosata. Entrambi colpiscono la IOM ciascuno una volta.
Molto più vivace la categoria A (mire metalliche) che vedeva iscritti 7 concorrenti nella prova di rosata e 6 al Tabellone. Nella prova Sharp Shooter solo 3 atleti riescono a mettere tutti i 5 colpi in sagoma e saranno quelli che saliranno sul podio: vince Rosario Iacono con la misura di 22,8 cm, seguito da Gaetano Pierino (28 cm) e terzo si classifica Salvo Ognibene con 49,3 cm. I posti successivi in classifica verranno attribuiti in base al numero di colpi messi in sagoma.

Nella gara al tabellone è ancora Rosario Iacono il mattatore (82 punti). Gli restano vicini i due palermitani Salvo Ognibene (78 punti) e Piero Profeta (76 punti e ben due mouche coincidenti al centro esatto del bersaglio).
Male gli altri tiratori: Giovanni Canzonieri non riesce ad "interpretare la gara" e rimane lontanissimo dal podio con un modesto punteggio di 56. In mire metalliche Rosario Iacono sarà l'unico a colpire (per ben due volte) la IOM.
La Classifica Generale si muove in modo importante.

In categoria A Rosario Iacono scavalca Giovanni Canzonieri e si porta in prima posizione mentre Salvo Ognibene guadagna una posizione raggiungendo il sesto posto.

In categoria B è sempre Rosario Iacono aumenta il vantaggio su Herbert Sammut, ancora secondo, ma con Santo Dibennardo ormai a ridosso.
 
Nella categoria C avvengono importanti cambiamenti. Mentre la leadership di Gaetano Brancato esce notevolmente rafforzata è nelle posizioni immediatamente successive che la lotta si apre: Giovanni Messineo, pur conservando la seconda posizione in classifica, viene quasi raggiunto da Santo Dibennardo che con i punti che la vittoria odierna gli ha portato sale dalla quarta alla terza posizione, a soli 12 punti dal secondo. A seguire in quarta posizione, con 9 punti di distacco dal terzo, Salvo Petta mentre Rosario Iacono oggi guadagna due posizioni in classifica (dalla settima alla quinta)scavalcando d'un sol colpo Giovanni Canzonieri e Herbert Sammut portandosi a 15 punti dal 4°.  


Statistiche:

- 12 iscritti in categoria C - Sport distanza 300 metri;

- 10 iscritti in categoria C - Sport distanza 600 metri;

- 9 iscritti in ex-ordinanza (7 in cat A e 2 in cat. B);

- 44 prove disputate in categoria C (24 a 300 metri e 20 a 600 metri);

- 3 prove disputate in cat. B (2 di gara al tabellone e 3 di rosate);

- 20 prove disputate in cat. A (9 di gara al tabellone e 11 di rosate);

27 Prove di Solidarietà disputate (6 in cat. A, superata da 1 concorrente per 2 volte,  4 in cat. B, superata da 2 concorrenti e 17 in cat. C superata da 4 concorrenti) consistenti nel colpire un bersaglio posto a 300 metri per le categorie ex-ordinanza ed a 300 e 600 metri per la cat. C con un unico colpo da tirare nel tempo limite di un minuto, il cui costo di iscrizione è integralmente destinato alla somma raccolta per la ricerca contro le staminali tumorali;

- il maggior numero di mouches colpite da uno stesso atleta in un'unica prova è stato di 2 in categoria A ottenuto da Pietro Profeta di Palermo;

- nessun "rientro" oltre le due prove di gara è stato tentato;

- l'atleta che ha conquistato più punti in assoluto è Rosario Iacono (151,5 punti). 

I miei soliti ringraziamenti vanno questa volta a Michele Rabiolo, presidente dell'Enna Shooters Club,  che reso possibile questa bella gara, a Ranieri De Maria, Rosario Iacono e Debora Petta che con me hanno composto la Commissione di Gara ed a Filippo Giglio che si è incaricato delle riprese fotografiche della giornata.

Un pensiero a Herbert Sammut  che sarebbe dovuto essere dei nostri ma che per impegni di lavoro aveva dovuto rinunciare, cui ho dedicato la mia partecipazione indossando una t-shirt con i colori maltesi.  

 

Foto della giornata  

IL CAMPO DI TIRO

 

VISTA DEI BERSAGLI A 300 METRI 

VISTA DEI BERSAGLI A 600 METRI 

 

 

 

IL CONTROLLO FINALE DEI BERSAGLI, LA STESURA DELLE CLASSIFICHE E LA PREMIAZIONE

 

I BERSAGLI VINCENTI DI ROSARIO IACONO NELLE CATEGORIE EX-ORDINANZA

 

GAETANO BRANCATO MOSTRA IL SUO BERSAGLIO SECONDO CLASSIFICATO A 300 METRI

IL PODIO DELLA GARA A SEICENTO METRI (BRANCATO, GIGLIO E IACONO)

 

 

LA CONSEGNA DEI PREMI IN CERAMICA PRODOTTI ARTIGIANALMENTE DALLA DUEDDI' DI CALTAGIRONE

IL POSIO DELLA CATEGORIA B (Brancato ritira i premi per Dibennardo)

 

IL PODIO DELLA CATEGORIA A, ROSATE (assente Gaetano Pierino, secondo classificato)

 

IL PODIO DELLA CATEGORIA A, GARA AL TABELLONE 

IL PODIO DELLA CATEGORIA C A 300 METRI (assente Dibennardo, primo classificato) 

IL PODIO DELLA CATEGORIA C A 600 METRI 

 

MICHELE RABIOLO, PRESIDENTE DELL'ENNA SHOOTERS CLUB

 

CLASSIFICA GENERALE

Torna indietro