Torna indietro

Campionato Mediterraneo di

Tiro Ex-Ordinanza e Sportivo

Anno 2014 (V edizione)

Trofeo Full Metal Jacket

GARA CAT. A+B+C (standard) - 29 GIUGNO 2014 - BLACK LION CAVAFUOCO - CASTELVETRANO - TP

Armi Magazine; The Circle's Restaurant & Bar Malta; Armeria Full Metal Jacket; Armeria Mangione; Euroarms Italia; Dueddi s.r.l.; R.A. Sport

 

Categoria A Ex-Ordinanza mire metalliche – Tiro al Tabellone - mt 100 (punteggio massimo 100 +10)

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Miglior risultato Punti Campionato
1 Profeta Pietro Salvatore Castelvetrano Black Lion Mosin Nagant 91/30 95,2 12
2 Ognibene Salvatore Palermo Black Lion M14 Norinco 93,2 10
3 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio Eddystone P17 83,1 8
4 Napoli Vito Campobello Black Lion FAL L1A1 83,0 6
5 Nastasi Pietro Sergio Castelvetrano Black Lion FAL L1A1 82,2 4
6 Ioren Napoli Lorenzo Palermo Black Lion M14 Norinco 80,0 2
7 Crimi Salvatore Salemi Black Lion FAL L1A1 79,0 1

 

Categoria A Ex-Ordinanza mire metalliche – Sharp Shooter - Prove di rosata a mt 100

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Miglior risultato Punti Campionato
1 Profeta Pietro Salvatore Castelvetrano Black Lion Mosin Nagant 91/30 99,00 15
2 Ognibene Salvatore Palermo Black Lion M14 Norinco 101,30 12
3 Ioren Napoli Lorenzo Palermo Black Lion M14 Norinco 104,20 10
4 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio P17 124,10 8
5 Napoli Vito Campobello Black Lion FAL L1A1 133,84 6
6 Crimi Salvatore Salemi Black Lion FAL L1A1 199,30 4
7 Errante Parrino Francesco Castelvetrano Black Lion FAL L1A1 208,80 2
8 Nastasi Pietro Sergio Castelvetrano Black Lion FAL L1A1 304,60 1

 

Categoria A Ex-Ordinanza mire metalliche – Prove di Solidarietà a mt 100

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Tirate / colpite Punti Campionato
1 Profeta Pietro Salvatore Castelvetrano Black Lion Mosin Nagant 91/30 1 / 1 5
2 Ognibene Salvatore Palermo Black Lion M14 Norinco 1 / 1 5
3 Nastasi Pietro Sergio Castelvetrano Black Lion FAL L1A1 1 / 0 0
4 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio Eddystone P17 1 / 0 0

 

Categoria A Ex-Ordinanza mire metalliche – Bonus

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Bonus distanza
1 Profeta Pietro Salvatore Castelvetrano Black Lion Mosin Nagant 91/30 0
2 Ognibene Salvatore Palermo Black Lion M14 Norinco 0
3 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio Eddystone P17 5
4 Napoli Vito Campobello Black Lion FAL L1A1 0
5 Nastasi Pietro Sergio Castelvetrano Black Lion FAL L1A1 0
6 Ioren Napoli Lorenzo Palermo Black Lion M14 Norinco 0
7 Crimi Salvatore Salemi Black Lion FAL L1A1 0
8 Errante Parrino Francesco Castelvetrano Black Lion FAL L1A1 0

 

TOTALE PUNTI CONQUISTATI IN CAT. A

N. Ord Cognome e Nome Città Poligono Tabellone Rosata IOM Bonus km Totale
1 Profeta Pietro Salvatore Castelvetrano Black Lion 12 15,0 5 0 32,0
2 Ognibene Salvatore Palermo Black Lion 10 12,0 5 0 27,0
3 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio 8 8,0 0 5 21,0
4 Ioren Napoli Lorenzo Palermo Black Lion 2 10,0 0 0 12,0
5 Napoli Vito Campobello di Mazara Black Lion 6 6,0 0 0 12,0
6 Crimi Salvatore Salemi Black Lion 1 4,0 0 0 5,0
7 Nastasi Pietro Sergio Castelvetrano Black Lion 4 1,0 0 0 5,0
8 Errante Parrino Francesco Castelvetrano Black Lion 0 2,0 0 0 2,0

 

Categoria B Ex-Ordinanza sniper non disputata

 

Categoria C Sport Standard  – Tiro al Tabellone - mt 200 (punteggio massimo 100 +10)

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Miglior risultato Punti Campionato
1 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio Remington 40XB Tactical 97,0 30
2 Messineo Giovanni Termini Imerese Black Lion Sako TRG22 94,1 24
3 Brancato Gaetano Ravanusa SniperClub BCM 6,5x47Lapua 94,0 18
4 Giglio Filippo Castelvetrano Black Lion Sako TRG 22 93,1 14,4
5 Barresi Antonino Massim. Castelvetrano Black Lion Remington SPS 223 90,1 12
6 Errante Parrino Francesco Castelvetrano Black Lion Sako TRG 22 86,0 9,6
7 Bonaccorso Filippo Palermo Black Lion Tikka T3 Sporter 85,0 7,2
8 Blunda Daniele Casa Santa Erice Black Lion Tikka T3 Sporter 85,0 4,8
9 Napoli Vito Campobello di Mazara Black Lion Marlin 223 79,0 2,4
10 Guerra Vincenzo Casa Santa Erice Black Lion Remington 700 cal. 223 78,0 1,2
11 Benevento Antonino Castelvetrano Black Lion CZ 223 73,0 -
12 Milazzo Marco Misilmeri Black Lion Baikal 20,0 -
13 Crimi Salvatore Salemi Black Lion Sako TRG 22 nc -

 

Categoria C Sport Standard  – Sharp Shooter - Prove di rosata a mt 200

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Miglior risultato Punti Campionato
1 Brancato Gaetano Ravanusa Sniper club Sako 85 222 19,52 30
2 Bonaccorso Filippo Palermo Black Lion Tikka T3 Sporter 34,72 24
3 Barresi Antonino Massim. Castelvetrano Black Lion Remington 700 SPS 35,70 18
4 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio Remington 40XB Tactical 39,06 14,4
5 Messineo Giovanni Termini Imerese Black Lion Sako TRG 22 39,40 12
6 Errante Parrino Francesco Castelvetrano Black Lion Sako TRG 22 40,70 9,6
7 Giglio Filippo Castelvetrano Black Lion Sako TRG 22 44,78 7,2
8 Guerra Vincenzo Casa Santa Erice Black Lion Remington 700 cal. 223 54,90 4,8
9 Benevento Antonino Castelvetrano Black Lion CZ 223 60,20 2,4
10 Crimi Salvatore Salemi Black Lion Sako TRG 22 69,10 1,2
11 Blunda Daniele Casa Santa Erice Black Lion Tikka T3 Sporter 73,80 -
12 Milazzo Marco Misilmeri Black Lion Baikal 172,60 -
13 Napoli Vito Campobello di Mazara Black Lion Marlin 223 191,80 -

 

Categoria C Sport Standard  – Prove di solidarietà - mt 200

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Tirate / colpite Punti Campionato
1 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio Remington 40XB Tactical 2 / 1 5
2 Messineo Giovanni Termini Imerese Black Lion Sako TRG22 3 / 1 5
3 Brancato Gaetano Ravanusa SniperClub BCM 6,5x47L-Sako 85 222 3 / 0 0
4 Bonaccorso Filippo Palermo Black Lion Tikka T3 Sporter 2 / 0 0
5 Giglio Filippo Castelvetrano Black Lion Sako TRG 22 2 / 0 0
6 Blunda Daniele Casa Santa Erice Black Lion Tikka T3 Sporter 1 / 0 0
7 Milazzo Marco Misilmeri Black Lion Baikal 1 / 0 0
8 Errante Parrino Francesco Castelvetrano Black Lion Sako TRG 22 1 / 0 0
9 Benevento Antonino Castelvetrano Black Lion CZ 223 1 / 0 0
10 Guerra Vincenzo Casa Santa Erice Black Lion Remington 700 cal. 223 1 / 0 0
11 Napoli Vito Campobello di Mazara Black Lion Marlin 223 1 / 0 0

 

Categoria C Sport Standard  – Bonus

(*) Distanze stradali dalle città capoluogo di provincia al poligono Cavafuoco di Castelvetrano (fonte maps.google.com)

Da Cavafuoco a   Bonus
Siracusa km 307 5
Ragusa km 227 5
Catania km 263 5

 

Classif. Cognome e Nome Città Poligono Arma marca/modello Bonus distanza
1 Barresi Antonino Massim. Castelvetrano Black Lion Remington 700 SPS 0
2 Benevento Antonino Castelvetrano Black Lion CZ 223 0
3 Blunda Daniele Casa Santa Erice Black Lion Tikka T3 Sporter 0
4 Bonaccorso Filippo Palermo Black Lion Tikka T3 Sporter 0
5 Brancato Gaetano Ravanusa Sniper club Sako 85 222 5
6 Crimi Salvatore Salemi Black Lion Sako TRG 22 0
7 Errante Parrino Francesco Castelvetrano Black Lion Sako TRG 22 0
8 Giglio Filippo Castelvetrano Black Lion Sako TRG 22 0
9 Guerra Vincenzo Casa Santa Erice Black Lion Remington 700 cal. 223 0
10 Messineo Giovanni Termini Imerese Black Lion Sako TRG 22 0
11 Milazzo Marco Misilmeri Black Lion Baikal 0
12 Napoli Vito Campobello di Mazara Black Lion Marlin 223 0
13 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio Remington 40XB Tactical 5

 

TOTALE PUNTI CONQUISTATI CAT. C

N. Ord Cognome e Nome Città Poligono Tabellone Rosata IOM Bonus km Totale
1 Petta Salvatore Caltagirone San Demetrio 30 14,4 5 5 54,4
2 Brancato Gaetano Ravanusa SniperClub 18 30,0 0 5 53,0
3 Messineo Giovanni Termini Imerese Black Lion 24 12,0 5 0 41,0
4 Bonaccorso Filippo Palermo Black Lion 7,2 24,0 0 0 31,2
5 Barresi Antonino Emanuele Castelvetrano Black Lion 12 18,0 0 0 30,0
5 Giglio Filippo Castelvetrano Black Lion 14,4 7,2 0 0 21,6
7 Errante Parrino Francesco Castelvetrano Black Lion 9,6 9,6 0 0 19,2
7 Guerra Vincenzo Casa Santa Erice Black Lion 1,2 4,8 0 0 6,0
9 Blunda Daniele Casa Santa Erice Black Lion 4,8 0,0 0 0 4,8
9 Napoli Vito Campobello di Mazara Black Lion 2,4 0,0 0 0 2,4
11 Benevento Antonino Castelvetrano Black Lion 0,0 2,4 0 0 2,4
11 Crimi Salvatore Salemi Black Lion 0 1,2 0 0 1,2
13 Milazzo Marco Misilmeri Black Lion 0,0 0,0 0 0 0,0

 

 

Commento alla gara

Si è celebrata a Cavafuoco (Castelvetrano, TP) presso la struttura gestita dall'ASD Black Lion la terza ed ultima prova sezionale del Campionato Mediterraneo 2014 della FSTS programmata nella Sicilia occidentale. Ancora una volta, come in tutte le precedenti, si è rivelata gara divertente, emotivamente e tecnicamente coinvolgente, entusiasmante per i tiratori e per gli spettatori e organizzativamente ben gestita in ogni sua fase: un ennesimo successo.

Prima di addentrarmi nei dettagli della storia della giornata vorrei anticipare un argomento poi ripreso nella parte conclusiva del mio commento sottolineando la crescita tecnica e partecipativa nella difficile disciplina del tiro di precisione mediterraneo degli iscritti all'ASD ospitante: nella categoria A (ex-ordinanza mire metalliche) erano stati 2 gli atleti a prendere parte alla prima gara, 6 alla seconda e 7 in questa terza mentre nella categoria C la partecipazione di atleti iscritti ai Black Lion è stata di 8 nella prima gara, 10 nella seconda (con carabine cal. 22 LR) e 11 nella terza gara.
Non solo: ben due atleti locali sono nella Top Ten assoluta della Categoria A (Pietro Profeta e Salvo Ognibene 7°) e ben 5 atleti sono nei migliori 12 della Categoria C (Giovanni Messineo 2° e dal 9° all'11° posto Filippo Giglio, Antonino Barresi, Filippo Bonaccorso e Francesco Errante Parrino) con un incremento di risultati davvero importante.

Ma entriamo nel merito della gara partendo dalle condizioni climatiche: giornata fortemente soleggiata (circa 31° C) e un costante vento che teneva direzioni irregolari e spesso dei veri e piccoli vortici nel poligono. Certo nulla in confronto a quello presente nella prima gara di aprile, quando i vortici accompagnati dalla sabbia da essi sollevata resero davvero difficile la vita ai tiratori nessuno dei quali riuscì ad andar oltre i 90 punti, ma indubbiamente d'ostacolo per chi si presentava impreparato ad interpretare la gara studiando il miglior modo per compensare colpo per colpo l'ipotetica deviazione della traiettoria delle palle verso il bersaglio.

Bella la gara in categoria A dominata interamente dal forte tiratore palermitano Pietro Salvatore Profeta che si migliora ulteriormente rispetto alle precedenti gare disputate in questo poligono (in quella di esordio aveva totalizzato 87,1 punti, nella seconda 93,1) con un bel 95,2 che tengono a bada l'intraprendente suo concittadino e compagno di squadra Salvatore Ognibene che raggiunge il medesimo punteggio della sua precedente gara di 93,2. Dietro di loro, con molto distacco, il terzo (Salvo Petta) che dichiaratamente presente per onorare la gara, riporta al tiro un cimelio americano del 1917.

Nelle prove di rosata della stessa categoria i valori sul campo rimangono i medesimi e il podio diviene inizialmente copia del precedente (primo Profeta, secondo Ognibene terzo Petta). Ma per un errore in direzione gara non vengono inizialmente trascritti i risultati delle due rosate di Ioren Napoli Lorenzo con la prima delle quali aveva realizzato il risultato di 104,2 mm che, a revisione della classifica compiuta, lo vedono piazzarsi al terzo posto della classifica con attribuzione di 10 punti per il Campionato di categoria. Rettificato il numero dei concorrenti, che da 7 è passato agli 8 reali, aumenta anche il punteggio di Profeta e Ognibene (15 per il primo e 12 per il secondo). 

Riguardo alla categoria C Sport Standard (cioè con carabine aventi limitazione di peso e dimensioni) la giornata ha vissuto momenti di vero spettacolo. Cerco di raccontarla in modo impersonale in quanto la cronaca coinvolge la mia persona e per questo prendo spunto da altrui commenti tratti dalle pagine dei social e dalle mail ricevute. 

Nella gara Sharp Shooter della categoria C la gara viene chiusa sul nascere: Gaetano Brancato, come suo solito, realizza nella sua prima prova una misura inferiore di poco ai 20 mm (19,52 mm) con il suo Sako 85 in calibro 222 remington e spegne sul nascere ogni velleità di successo dei concorrenti chiudendo definitivamente la gara, che da quel momento proseguirà solo per assegnare le posizioni di secondo livello. Ma c'è vento, un vento irregolare, che non da modo di essere "seguito". Crea vortici, alcuni colpiscono i bersagli e scuotono le sagome, ci vuole anche fortuna. Ci provano prima Salvo Petta che ottiene la misura di 39,06 mm poi Filippo Bonaccorso e Francesco Errante Parrino che, meno fortunati, fanno bei raggruppamenti ma sempre con un colpo che se ne va per i fatti suoi e allarga la rosata a poco oltre i 5 cm! Nella tarda mattina Nino Barresi riesce a fare una bella prova e chiude a 35,70 mm la rosata, portandosi al secondo posto. Bisognerà aspettare il pomeriggio per vedere altri risultati di riguardo, in particolare prima l'arrivo di Giovanni Messineo la cui rosata sarà di 39,40 mm e poi via via Francesco Errante Parrino che si migliora fino a 40,7 mm e finalmente la bella rosata2 di Filippo Bonaccorso che trova sul finire della gara il feeling necessario per riuscire a realizzare un gruppo di 5 colpi in 34,72 mm che lo porranno sul secondo gradino del podio facendo scivolare al terzo Barresi.

La prova al Tabellone della categoria C invece si è svolta esattamente come l'avrebbe immaginata uno sceneggiatore se avesse voluto tenere alto l'interesse del pubblico sulla gara, in un crescendo di emozioni mozzafiato. Si affrontavano infatti i due vincitori delle precedenti gare al tabellone disputate a Cavafuoco (Salvo Petta che vinse quella di aprile e Gaetano Brancato dominatore di quella di maggio) ma con molte attese per le prestazioni dei forti atleti locali recentemente sempre più protagonisti nelle gare di Campionato Mediterraneo.

Inizia Antonino Barresi a segnare il percorso ottenendo 90 punti ed una mouche che lo tengono primo per solo un paio di turni. Sulla terza linea si accomoda infatti il fortissimo Filippo Giglio, atleta di Castelvetrano che nella gara di aprile aveva dovuto accontentarsi del secondo posto pur avendo ottenuto lo stesso punteggio del vincitore, che realizza 93 punti e una mouche balzando in testa alla classifica parziale. Cresce così l'attesa per la linea successiva che vede fianco a fianco Gaetano Brancato e Salvo Petta. Entrambi gli atleti si marcano da vicino: Brancato termina in anticipo sui 10 minuti la sua prova, ottenendo 92 punti,  e si ferma a guardare la conclusione della gara di Petta che nel frattempo con le prime 8 cartucce aveva marcato due 9 e 6 dieci con 2 mouche. Ma Petta si distrae e conclude malamente la prova: attendeva il segnale dei "3 minuti allo scadere" della gara e quando si accorge che non è stato dato e gli viene comunicato invece che manca solo un minuto e mezzo al temine si innervosisce e.... sbaglia, colpendo prima un 7 e mandando l'ultima cartuccia sull'8 così totalizzando 93,2 punti, una mouche in più di Giglio che lo pone in prima posizione.
La mattinata si conclude con la seconda prova di gara di Gaetano Brancato che però peggiora il primo risultato realizzando 91,1 punti.  Nessuno, seppur avendoci provato più volte, riesce a prendere la Prova IOM.

Dopo la pausa pranzo la gara riprende con l'intervento di altri tiratori, tra i più attesi Giovanni Messineo, e con lo svolgimento delle seconde prove degli atleti. Ci provano da subito Filippo Bonaccorso e Filippo Giglio che però non riescono a modificare la propria posizione in classifica. Alle ore 16,00 però la gara, finalmente, inizia a dare cenni di scuotimento: Giovanni Messineo tira e realizza 93 punti. Brancato scivola al quarto posto e non ci sta: come da regolamento chiede di iscriversi ad una prova di rientro e annulla i punteggi realizzati in precedenza. Lo svolgimento della gara prosegue con molto rispetto delle prestazioni altrui e senza mai far mancare i giusti apprezzamenti agli avversari. Arriva il turno della terza prova di Brancato appena superate le ore 17 e ormai si va verso il rush finale. Gaetano Brancato inizia bene la prova, sa di poter vincere e abbracciando il suo BCM in calibro 6,5x47 Lapua comincia a colpire la parte centrale dei barilotti del bersaglio. La sua prova è seguita con attenzione dai presenti attraverso potenti cannocchiali e tutti capiscono che si sta migliorando. Ma, come era avvenuto in mattinata con Petta, strappa proprio l'ultimo colpo e manda la palla sul 7, fortemente rammaricandosi. Sbaglierà pure la successiva prova IOM. L'esame del bersaglio però gli darà ragione perchè nonostante l'errore commesso ha realizzato 94 punti ed è finalmente primo. Per poco però, in quanto nella linea successiva effettua la sua seconda prova il "leone di Termini Imerese" Giovanni Messineo, atleta che ci ha abituato a finali di gara al cardiopalma e che neanche stavolta si smentisce. Con il suo Sako TRG22 incrementa di un punto il suo precedente punteggio stavolta aggiungendo una mouche che gli serve a scavalcare in classifica Brancato ed a portarsi al primo posto. Poi, primo fra tutti, riusce a colpisce il piccolo bollino della prova IOM superandola.
Rimane da effettuare la gara2 di Salvo Petta sull'ultima linea, unica esposta al sole che tramonta di fronte. Un filo d'erba capricciosamente sollevatosi dal terreno fa ritardare di qualche minuto l'inizio della prova. Qualche colpo sul bersaglio di prova, piccoli aggiustamenti alle torrette di regolazione del cannocchiale, ed con in mano un Remington 40XB Tactical in calibro 308 win inizia la prova di gara, stavolta Petta non vuole sbagliare e appare concentrato. Il sole riflette i suoi raggi sulla canna provando a disturbarlo ma lui strizza gli occhi alla ricerca del bersaglio., trovandolo con cinque 10 consecutivi, poi un 9; subito dopo realizza ancora due 10 e capisce che la vittoria è nelle sue mani, così tira uno dietro all'altro i restanti due colpi senza guardare dove vanno a finire. Saranno due 9 che fisseranno a 97 il risultato finale e gli consegneranno la vittoria. Gli fanno notare che gli resta ancora da tirare un altro colpo, quello della prova IOM, ma ormai l'adrenalina è alle stelle e punta quel bollino bucandolo esattamente al centro. La gara finisce con strette di mano e complimenti reciproci. 

 

La Classifica Generale inizia a "segnare" le prime cancellazioni di "peggior risultato" (vengono conteggiati i migliori cinque delle gare sezionali oltre a tutti i punti ottenuti nelle prove federali, i bonus maturati e i punti da prove  IOM superate), ma nonostante questo si avvantaggiano della gara in categoria A Pietro Profeta che sale dalla quinta alla terza posizione assoluta mentre in C è Giovanni Messineo che dalla quinta passa in seconda posizione. Altri miglioramenti li ottengono Salvatore Petta (dall'8° al 6° posto) e Francesco Errante Parrino (dal 16° al 12° posto). La formula del Campionato porterà sicuramente molti stravolgimenti già dalle prossime gare di luglio.

E adesso le consuete statistiche:

- 13 iscritti in categoria C - Sport per un totale di 45 prove (23 al tabellone, 22 rosate);

- 8 iscritti in ex-ordinanza cat A (7 al tabellone e 8 alle prove di rosata) per un totale di 22 prove (11 al tabellone, 11 rosate);

- nessun iscritto in cat. B;

- 22 Prove di Solidarietà, superata da due concorrenti in categoria A (Pietro Profeta e Salvo Ognibene) e da due concorrenti in categoria C (Giovanni Messineo e Salvo Petta), consistenti nel colpire un bersaglio posto a 100 metri per la cat. A e 200 per la cat. C con un unico colpo da tirare nel tempo limite di un minuto, il cui costo di iscrizione è integralmente destinato alla somma raccolta per la ricerca contro le staminali tumorali;

- il maggior numero di mouches colpite da uno stesso atleta in un'unica prova è stato di 2: in categoria A ex-ordinanza mire metalliche ci sono riusciti Pietro Profeta, Salvo Ognibene e Pietro Nastasi mentre in categoria C Sport Standard a riuscirci è stato solo Salvo Petta;

- un solo "rientro" tentato (quello cioè che annulla ogni risultato precedentemente realizzato), da Gaetano Brancato il quale migliora il punteggio precedentemente realizzato passando dal 4° al 3°posto in classifica.

- la migliore rosata in cat. A è stata di Pietro Profeta (99,00 mm a 100 metri) mentre in categoria C è stata di Gaetano Brancato (19,52 mm a 200 metri).

- l'atleta che ha conquistato più punti in assoluto è Salvo Petta (75,4 di cui 54,4 in C + 21 in A). 

Ovviamente i miei ringraziamenti vanno innanzitutto a Francesco Errante Parrino ed a tutti i suoi collaboratori per la sempre squisita ospitalità e la grande disponibilità mostrata, un plauso personale all'ottimo e assolutamente impeccabile Aldo, giudice contapunti.  Un particolare ringraziamento a Filippo Giglio per aver realizzato e messo a disposizione la maggior parte delle foto della giornata qui pubblicate.

Salvo Petta

 

Le foto della giornata

 

 

 

 

 

 

 

 

CLASSIFICA GENERALE

Torna indietro